Questo sito o i servizi terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

capitano.jpg

Gruppo Musici e Sbandieratori

Un ... ta ta ta, Du .... ta ta ta, Tri... ta ta ta, For.... ta ta ta Riprovi... Riprovi e non ci riesci mai !!!
Ma come sarà questo ritmo maledetto? Perchè gli altri ci riescono? Come farò a sfilare?


 

Questi sono solo alcuni dei pensieri che assalgono i Tamburini durante i nove mesi di prove.
La vita del tamburino scorre a ritmo di quattro quarti....
E’ il figurante più sfigato di tutta la contrada il tamburino... deve fare mesi e mesi di prove, al freddo, al buio e si gioca tutto in poche ore di sfilata.
Tutte le ore di prova di un anno intero vengono messe in gioco in soli due giorni.
Il tamburino, il sabato del palio, ha un numero di preoccupazioni notevoli:
Deve sperare che non piova...
Deve sperare che il vestito, non vada troppo stretto (soprattutto per alcuni...)
Deve sperare che l’emozione non giochi brutti scherzi
Deve sperare che la memoria non lo abbandoni.
 

Se tutti questi desideri vengono esauditi, allora il tamburino farà bella figura!
E la soddisfazione che prova, servirà a ripagare i nove mesi di sacrificio!
Per fortuna, le speranze del gruppo musici della Prevostura spesso non sono vane e la nostra sfilata risulta emozionante sia per chi suona che per chi ci guarda.E’ difficile spiegare quali sono le emozioni checadono addosso al tamburino quando inizia a battere il primo colpo, del primo ritmo, nel primo giorno di sfilata.
E’ un misto di emozioni, è un cocktail di paura, grinta, rabbia, attenzione, ritmo, vitalità, energia (bandabardò ndr), tempo e ancora paura.
Solo dopo aver suonato qualche minuto lo stato di trance finisce, il cuore riprende a battere regolare, la sete passa... e si può marciare a tempo e suonando perfettamente...

 
E’ uno sporco lavoro quello del tamburino... ma qualcuno lo deve pur fare.
Ma Vediamo il nostro gruppo nel dettaglio...
 
Nasciamo nel 1995 quando la maggior parte di noi sono poco più che bambini e subito iniziamo a prendere confidenza con la musica e col senso del ritmo.
Dobbiamo ammettere che i primi anni sono davvero duri e non riscontriamo grandi risultati.
Dopo vari cambi di suonatori e di maestro, troviamo l’assetto definitivo nel 2004 e possiamo definire l’anno successivo, il 2005 come l’anno della svolta.
Il nostro gruppo cresce, sia di numero che di età anagrafica, e grazie al paziente e continuo insegnamento del nostro Coach iniziamo a creare alcuni ritmi dall’elevato livello tecnico e dalla grande presenza sonora.
Ad oggi, il nostro gruppo conta la presenza di 15 tamburini, di cui 5 rullanti e 10 imperiali e con questi numeri si conferma il gruppo più numeroso del “Palio delle Contrade” di San Secondo.
Oltre a suonare per la contrada durante i giorni del Palio di San Secondo, i tamburini della Prevostura hanno già effettuato uscite per altre manifestazioni in tutto il territorio nazionale.